a caccia del riscatto

a caccia del riscatto

33
0
Condividi

Sta cercando di recuperare ed esserci ad Udine, il neo-attaccante viola Diego Falcinelli. Dopo essere uscito prematuramente dalla contesa con il Chievo a causa di una dolorosa botta alla caviglia, ha passato una settimana quasi totalmente a parte, eccezion fatta per la giornata di oggi, nella quale è tornato invece ad allenarsi con il resto del gruppo. L’ex punta di Crotone e Sassuolo è alla ricerca della miglior condizione fisica, ma con quella dovrà anche cercare di aggiustare la mira, piuttosto appannata in questi primi minuti viola.

Che, per dovere di cronaca, non sono assolutamente tanti: 140′, poco più di una partita e mezza nel complesso. Spalmata in tre apparizioni, delle quali solamente una dal primo minuto. Inutile ribadire che si tratta di un’analisi estremamente parziale, così come il contenuto di un dato che però rispecchia un momento non fortunatissimo dell’attaccante viola. Falcinelli, infatti, da quando è arrivato alla Fiorentina ancora non è riuscito mai ad inquadrare la porta con un tiro. Neanche una volta. Se per quanto concerne i subentri avvenuti a Bologna e Bergamo vi può essere qualche attenuante (anche se nell’occasione finale all’Atleti Azzurri d’Italia qualcosa in più era auspicabile, ndr), meno se ne trovano nella partita di domenica col Chievo, nella quale è partito dal primo minuto ed in coppia con un altro attaccante. Quel Simeone anch’egli al centro delle critiche per questioni di scarsa mira ed un feeling con la rete fin qui piuttosto freddo. Il messaggio è chiaro: ad oggi, nei giocatori offensivi della Fiorentina, sembra mancare la cattiveria sotto porta.

tmw

Comments

comments

LASCIA UN COMMENTO

*