un marco viola

un marco viola

72
0
Condividi

Come vi abbiamo raccontato nelle scorse ore (LEGGI QUI), la Fiorentina ha pagato tutti i bonus legati al rendimento di Marco Benassi al Torino, facendo così aumentare la somma spesa per il suo acquisto a 13 milioni di euro complessivi.Una cifra importante, che spiega quanto Corvino creda nelle potenzialità di un giocatore classe ’94 che conta già 146 presenze e 18 gol in Serie A a 24 anni ancora da compiere. D’altronde il dg viola era innamorato già di quel centrocampista che si metteva in luce nelle giovanili dell’Inter, ed ha continuato a seguirne l’evoluzione fino a convincersi a portarlo a Firenze. Secondo quanto appreso e ricostruito da FirenzeViola.it, sul giocatore l’estate scorsa, oltre a diversi club di A, c’erano anche offerte dall’estero: una società di Premier ed una di Liga. Ma Corvino, al quale bastarono venti minuti per chiudere l’affare grazie alla convinzione del giocatore di unirsi alla Fiorentina, riuscì ad affidare un giocatore versatile al suo allenatore Pioli.

Quel Pioli con il quale il ragazzo ha maturato un feeling costante già dal primo giorno nella sua nuova realtà, e con il quale ha accettato la sfida di assumere ruoli diversi in moduli differenti nel suo percorso. Quest’anno infatti abbiamo visto Benassi interpretare molteplici ruoli: dalle comparsate come ala d’attacco a destra, o da trequartista, nel 4-2-3-1 iniziale, al suo naturale posizionamento di mezzala in una mediana a tre, arrivando a fare l’esterno destro di un 4-4-2 e persino il terzino nel convulso finale di partita che vide i viola imporsi con uno spumeggiante 2 a 3 in casa del Genoa, gara nella quale trovò peraltro la rete.

E il futuro? Limpido, e a tinte viola. Dall’entourage, raggiunto da noi di FirenzeViola.it, si dicono più che soddisfatti del rendimento stagionale di Benassi, tratteggiando anzi la stagione appena trascorsa come la migliore della sua carriera. E fanno altresì sapere che il giocatore attualmente si trovi nel posto migliore in cui possa trovarsi. Parole che rispecchiano le sensazioni del calciatore in prima persona, convinto di rimanere ancora a lungo a Firenze e vestire la maglia viola, inseguendo il sogno Nazionale.

Già, quell’Italia che sta faticosamente tentando di ripartire con il nuovo ciclo targato Mancini. Il nuovo ct però ha escluso il centrocampista viola dal suo primo giro di convocazioni. Ci aveva fatto un po’ la bocca l’ex centrocampista granata, che con Di Biagio aveva assaporato il sapore della maglia azzurra venendo convocato assieme ai compagni di squadra Biraghi e Chiesa negli ultimi stage del ct provvisorio, ma l’appuntamento con il Mancio ancora è da rinviarsi. Secondo quanto riferito a FirenzeViola.it, non appena ha saputo della mancata chiamata, Benassi ha commentato con decisione ai conoscenti più stretti: “Ecco, vorrà dire che dovrò lavorare di più”. Con la maglia della Fiorentina, ovviamente, con la quale è chiamato nella prossima stagione al grande salto che gli possa permettere di togliersi il pensiero azzurro dalla testa.

tmw

Comments

comments

LASCIA UN COMMENTO

*